. Nazi Lauck NSDAP-AO Italiana Bollettino 118 . . .

Nazi Lauck NSDAP/AO

Bollettino Novità NS

della NSDAP/AO - Internet-Edizione italiana

Numero 118/18 Estate 2004 (115)

NSDAP/AO, P.O. Box 6414, Lincoln, NE 68506 USA. www.nazi-lauck-nsdapao.com

GLI EBREI INCIAMPANO ANCORA

Il principale motore di ricerca per internet al mondo è Google. Ultimamente, la lista primaria in base alle parole chiave contempla sempre più spesso siti web "antisemiti" e "neonazisti".

Nell’aprile 2004 è stato ampiamente pubblicizzato il caso "jewwatch". Quando il sig. Shennie Whinestick (spelling?) ha inserito la parola chiave "Jew" ("ebreo") su Google, il motore di ricerca più importante al mondo, come primo della lista è apparso il sito web "jewwatch.com", notoriamente anti-giudaico! Gli ebrei hanno sollevato una protesta sul web e lanciato una campagna contro "jewwatch".

Ironia della sorte, la pubblicità che ne è scaturita ha prodotto 10.000 visite al giorno sul medesimo sito che essi stavano cercando di contrastare!

Quando il server è stato sottoposto a pressioni politiche e il sito soppresso, il camerata Lauck ha provveduto a realizzare un sito parallelo all’indirizzo http://www.jewwatch.info oltre che sul sito del NSDAP/AO (e altrove).

Inizialmente, gli ebrei sono riusciti a far sì che il sito in questione non apparisse in prima posizione. Ma poi esso ha riguadagnato tale allocazione, per poi riperderla. Ormai sembra essere una battaglia in corso di svolgimento.

Nel frattempo, il NSDAP/AO ha potenziato l’offensiva. Dal maggio 2004 la principale lista di Google con le parole chiave "Rabbi Jokes" mostra il sito web dell’NSDAP/AO. Il sito, in venti lingue, presenta cartoni animati su importanti personaggi ebrei, giochi Nazi scaricabili gratuitamente, libri sulla menzogna dell’olocausto e il famosto film-documentario "L’eterno ebreo".

Lo sforzo ha peraltro favorito lo sviluppo di ulteriori abilità tecniche e nuove adesioni. Un articolo appare sia sul sito web che alla pagina 2 di questo numero.

Per tutto ciò possiamo dire grazie all’isteria giudaica!

Gerhard Lauck

NS NEWS – COMMENTARIO

Amnesty International: parte dell’ "asse del male"

LONDRA – Secondo un rapporto di Amnesty International, la guerra del terrore sionista-americana contro la sovranità etnica rappresenta il più prolungato attacco ai diritti umani degli ultimi 50 anni. I polli-falchi americani ed ebrei si sono velocemente attivati per zittire coloro che si oppongono al Nuovo Ordine Mondiale. Amnesty International verrà presto inserita con altri "gruppi che istigano all’odio" sui siti web di ADL e SPLC. Un funzionario ha sottolineato che "Amnesty International è ovviamente in combutta con al-Qaida" e che "le sue dichiarazioni sono malcelati attacchi contro il popolo ebreo". Gli avvocati hanno cominciato a preparare frivole cause. Le organizzazioni di studenti bolscevichi scendono in piazza per "fermare l’odio". Le scuole elementari stanno organizzando dei cortei sotto l’insegna "Amnesty: non nella nostra città". FBI e CIA hanno una nuova voce da aggiungere all’elenco dei terroristi. "Ringraziamo Dio per il Patriot Act", ha detto un agente, "staneremo questi effeminati difensori dei diritti civili e mostreremo loro cos’è la giustizia sionista".

L’operazione israeliana "arcobaleno": restituire a Gaza un cadavere alla volta

GAZA – Il dittatore israeliano Ariel Sharon spera di ottenere l’approvazione del governo relativamente al suo modificato piano di genocidio palestinese – prima di ritirarsi da Gaza, naturalmente. Il futuro è roseo per Ariel, nonostante lo sdegno internazionale per aver fatto demolire il campo-rifugio di Rafah e avere ucciso 40 persone. Proteste si sono levate persino dagli USA. "I bulldozer e gli M-16 rappresentano uno spreco del denaro dei contribuenti americani", ha sostenuto un funzionario, "abbiamo suggerito ad Israele di utilizzare lo Zyklon-B, visto che sarebbe molto più efficiente".

La proposta degli USA all’ONU: un Iraq libero e sovrano sotto il completo controllo americano

ONU – Mentre il presidente Bush in televisione s’impappinava sulle parole "Abu Grahib", l’Onu riceveva la proposta americana per il trasferimento dei poteri in Iraq. I funzionari dell’Onu sono alquanto perplessi, dal momento che in tale proposta non è menzionato alcun passaggio di poteri. Il rapporto infatti assicura che l’Iraq, negli anni a venire, non sarà altro che uno stato-fantoccio nelle mani di Sion. Il presidente sostiene di non volere americanizzare l’Iraq: vuole soltanto instaurare una forma corrotta di governo sulla falsariga di quella americana, un libero mercato funzionale all’invasione dell’economia estera e un controllo assoluto sull’esercito. Con criminali politici insediati nei posti di comando entro il 2005, una massiccia presenza militare americana in Iraq sarà utile per espandere il territorio israeliano e spazzare via dalla faccia della terra il nazionalismo islamico.

I combattenti per la liberazione dell’Iraq: vincere la guerra contro il terrore sionista

Recentemente, un’autobomba ha ucciso il leader del governo-fantoccio iracheno. Un grosso passo avanti dei Combattenti per la liberazione dell’Iraq. Dopo essersi resi conto che l’invasione dell’Iraq è stato un flop, i leaders a stelle e strisce stanno cercando di lasciare la terra irachena nel più breve tempo possibile, nonostante i piagnistei sionisti.

I terroristi ebrei proseguono la pulizia etnica a Gaza. Gli USA appoggiano.

I palestinesi hanno abbandonato le loro case dopo che i terroristi israeliani hanno circondato un campo di rifugiati a Gaza, minacciando di demolirlo a colpi di bulldozer. Il primo ministro palestinese, Ahmed Qurie, ha richiesto l’intervento degli Stati Uniti durante un incontro con un alto funzionario della Casa Bianca. Quest’ultimo ha suggerito ai palestinesi di emigrare negli USA e investire in modo sicuro acquisendo catene di hotel e centri commerciali: solo col potere degli asciugamani puliti e del caffè caldo si può pensare di sconfiggere gli ebrei. Il primo ministro si è allora reso conto di chi fosse il suo interlocutore.

L’esercito americano: perché portarli in giudizio … quando si possono torturare a morte?

A meno che non vi siate dovuti nascondere in una grotta a causa di qualche incursione militare americana, avrete probabilmente visto le immagini sulle torture a danno di alcuni iracheni nella prigione di Abu Grahib. L’esercito sta cercando di ridimensionare la prova delle loro attività terroristiche affermando che questi soldati hanno agito in modo autonomo. Fortunatamente, nessuno è stupido. Specialmente i musulmani.

Secondo un articolo apparso su mezzo di informazione ebreo, la tortura degli iracheni fa semplicemente parte della guerra del terrore condotta dall’esercito USA. Sembra che il segretario Rumplestilskin non volesse avere a che fare con tutte quelle confuse leggi umanitarie, soprattutto quando ci sono in gioco petrolio e Israele. Chi si è davvero offeso è la CIA, ancora contrariata per essere stata esclusa dal complotto, prima volta in cinquant’anni.

Il prezzo del petrolio: ora un altro vostro braccio e un’altra vostra gamba

Avete visto l’immagine di quella persona, in piedi su una cabina, avvolta con dei cavi elettrici? Non si tratta di un prigioniero iracheno, è un agente petrolifero. A causa della guerra del terrore in corso, il prezzo del petrolio estero è salito alle stelle. L’amministrazione Bush si dice preoccupata. Se la popolazione spende tutto il denaro nel gas, come sarà possibile continuare a finanziare il regno del terrore sionista all’estero?

LETTERE AL DIRETTORE

Un altro successo televisivo

Il 5 aprile scorso, TV NOVA ha mandato in onda un servizio sull’organizzazione nazionalsocialista ceca "Narodni Odpor" (Resistenza Nazionale), la quale viene ospitata gratuitamente dal NSEC! Il servizio ha presentato un’intervista a due personaggi di sinistra (senza mostrare i loro volti) e ad uno zingaro, i quali hanno espresso il loro timore per i "nazisti"! Ancora una volta, dalla polizia si sono levate delle proteste relativamente al fatto che la NO sia ospitata dal NSEC, a sua volta in stretto contatto con NSDAP/AO! La polizia ha riferito alla TV che, nonostante ciò, continueranno a tenere d’occhio i membri della NO! Durante il servizio, sono state mostrate parecchie immagini relative a dimostrazioni e attacchi ad esponenti di sinistra da parte di nazionalsocialisti. – Repubblica Ceca

Il Direttore: i nostri camerati cechi hanno tradotto in lingua ceca l’opuscolo introduttivo del NSDAP/AO "The fight goes on"! Ora è disponibile sul nostro sito web per essere scaricato gratuitamente.

Violenza nera ovunque

Scrivo dal Brasile meridionale e vi invio per posta del denaro per avere del materiale propagandistico. Qui a São Paulo è diventata molto dura la vita per i bianchi. I neri qui sono molto violenti e ci uccidono. Io e i miei amici camerati vogliamo far parte del NSDAP/AO. – Brasile

Un’altra vittima dell’economia

Ecco la mia quota mensile. Scusate il ritardo. Dopo 15 anni ho perso il lavoro, grazie al governo e alla sua fallimentare politica economica. Quando mi trasferii in Florida ho avuto la sensazione che non avessimo mai vinto la guerra contro il Messico … glielo abbiamo restituito! Andate avanti su questa strada! – Florida

Nuova recluta

Considerando il mio attivismo, desidero che una parte più cospicua del mondo anglofono aderisca alla nostra concezione del mondo. D’ora in poi scriverò regolarmente su temi quali attualità e ideologia. – USA

Il primo articolo di questo camerata appare in questa edizione. È stato reclutato da un ciber-attivista che ha visitato un forum nazionale. Grazie a entrambi! Altri ciber-attivisti necessitano per reclutare più persone che curino gli interscambi con il nostro sito all’indirizzo http://nazi-lauck-nsdapao.com. Questo sito attualmente ha circa una media di 120.000 contatti al giorno!

Gli schiamazzi degli zulu

La crescente tendenza del calcio inglese ad affidarsi a giocatori di colore è stata riassunta dall’ex dirigente del Crystal Palace, Alan Smith. Durante un ritrovo del Royal Automobile Club, ha lasciato esterrefatti i commensali quando gli è stato chiesto cosa volesse dire essere un dirigente calcistico oggigiorno. Con la notoria mancanza di rispetto per la correttezza politica, tipica di un dirigente del mondo del pallone, ha risposto: "Ci si sente come Michael Caine nel film ZULU, quando deve affrontare le orde selvagge. Con la sola differenza che oggi gli zulu sono negli spogliatoi".

Tutti sono rimasti ammutoliti. Tra di essi c’era anche Chris Coleman, dirigente del Fulham FC. Il suo giocatore di colore, Luis Boa Morte, poco tempo fa ha accusato l’attaccante dell’Everton Duncan Ferguson, reo di un presunto commento razzista. – United Kingdom

Impressionato dall’articolo sul rapimento

Ho appena letto l’articolo sul rapimento di Gerhard Lauck e sono rimasto molto impressionato e colpito. Senza essere mai stato in prigione, uno può a malapena immaginarsi le conseguenze e gli stigmi che rimangono, oltre al fatto di doversi rifare una vita, di dover ricominciare daccapo. Gottfried Küssel, per esempio, dovette affrontare addirittura 10 anni di galera (se ricordo bene), a causa di una semplice "ipotesi di reato"! Nella Repubblica Federale di Germania neanche coloro che uccidono i bambini o i cannibali subiscono una tale condanna!

La cosa più importante è di non arrendersi mai e dimostrare al nemico che i suoi sforzi di fermarci sono e resteranno vani! Gerhard Lauck ha fatto questo! Nonostante il rallentamento (paragonato con i primi anni ’90) a causa della incarcerazione di Gerhard Lauck, il NSDAP/AO oggi cresce più forte che mai! "Ciò che non ci uccide, ci fortifica!". Dopotutto, il martirio di Rudolf Hess sarà per noi sempre un esempio di come le torture e la sofferenza non possono nulla contro la nostra volontà. – Germania

Listino Prezzi

NSDAP/AO: PO Box 6414, Lincoln, NE 68506 USA www.nazi-lauck-nsdapao.com

NSDAP/AO italiana